Mutui per i giovani under 36, proroga per il 2023

Dal testo provvisorio della legge di Bilancio emerge una proroga il 2023 degli sconti fiscali sulle imposte legate all'acquisto della casa

Si allungano le agevolazioni per l'acquisto di casa da parte dei giovani. Nella bozza della manovra del governo Meloni trova posto la "proroga per il 2023 delle agevolazioni per l'acquisto di prima casa per gli under 36". Al momento, grazie all’emendamento al decreto Aiuti ter, l’accesso al credito agevolato è concesso a chi presenti la domanda tra il 1 dicembre e il 31 dicembre 2022; qualora l’iter parlamentare dovesse confermare la norma nella legge di bilancio, lo stesso varrà per le case acquistate dal 26 maggio al 31 dicembre 2023.

I requisiti

Al mutuo giovani possono accedere tutti i giovani under 36 (ovvero fino a 35 anni compiuti) in possesso di un indicatore della situazione economica equivalente (ISee) non superiore a 40 mila euro. Va ricordato che le stesse agevolazioni sono valide anche per gli altri soggetti fragili: giovani coppie under 35, famiglie monogenitoriali con figli minori e chi abita in case popolari. Non lo può chiedere chi è già proprietario di altri immobili abitativi (a meno che non siano abitazioni ereditate e date in uso gratuito a genitori o fratelli). L’immobile da comprare, che deve essere quindi prima casa, non può rientrare nelle categorie A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli e palazzi) e avere le caratteristiche di “lusso” indicate dal decreto 1072 del 2 agosto 1969, ad esempio le case sopra i 160 metri quadri, quelle con piscina o campo da tennis o quelle con due ascensori per scala.

Quali imposte sono agevolate

È prevista l’esenzione dal pagamento delle imposte in fase di acquisto. In particolare, se rispettano i requisiti di cui sopra, spetta il diritto a non versare:

•             l’imposta di registro che ammonta al 2% del valore catastale della casa;

•             l’imposta ipotecaria e catastale per un totale di 100 euro;

Questi sconti sono riconosciuti al momento del rogito, se la compravendita avviene tra privati.

Fondo sospensione mutui

La manovra prevede anche la conferma del cosiddetto Fondo Gasparrini, ovvero il fondo di solidarietà sui mutui prima casa. Il Governo intende finanziarlo per tutto il 2023. Le risorse del fondo consentono la sospensione delle rate del mutuo per i lavoratori in Cig, per i mutuatari che ha perso il lavoro, per liberi professionisti e partite Iva che versano in difficoltà economica, per le cooperative edilizie.

News della stessa categoria

 

Ristrutturare casa, Nomisma svela le scelte degli italiani

Quasi il 40% delle famiglie nel 2022 ha scelto di investire in interventi di ristrutturazione
Leggi di più >

Rubriche

CILA edilizia, che cos’è e a cosa serve

Si tratta della Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata
Leggi di più >

Le richieste del notaio... (parte 1)

Avventure e disavventure di noi agenti immobiliari
Leggi di più >

Scia edilizia: cos’è e a cosa serve

Non va confusa con il Permesso a costruire o con la CILA
Leggi di più >

Cookie e Privacy policy

Questo sito usa cookie di profilazione anche di terzi. Per dettagli clicca sul tasto Leggi di più o, per accettare, clicca sul tasto Accetta.

Leggi di piùAccetta