Nuda proprietà, cos’è e come funziona

Vediamo caratteristiche e vantaggi della nuda proprietà

In una fase di forte instabilità economica e in un periodo in cui è diventato sempre più complicato l’accesso al credito, il mercato immobiliare offre una serie di soluzioni ai potenziali acquirenti tra cui la nuda proprietà. Ma di cosa si tratta esattamente?

Cos’è la nuda proprietà

Il concetto di nuda proprietà fa riferimento al valore dell'immobile decurtato dall'usufrutto. Detto in altre parole, quando si vende la nuda proprietà si mette sul mercato l'immobile di proprietà, conservando però per sé il diritto di viverci per tutta la vita. Il proprietario viene detto "usufruttario" e vende la nuda proprietà, pur mantenendo il diritto di goderne l'uso per tutta la vita o entro un determinato periodo di tempo. Il nudo proprietario è chi ha il diritto di proprietà su un immobile, ma non il diritto di goderne l’uso. L'usufruttuario può anche affittare l’immobile o vendere l’usufrutto a terze persone nei limiti dei termini previsti nel contratto della vendita della nuda proprietà. Eventualmente, l’usufrutto è trasferibile ai terzi sempre nei limiti previsti nel contratto della vendita della nuda proprietà, oppure in accordo con il nudo proprietario post-contratto.

A chi spettano le spese?

Generalmente le spese di manutenzione ordinaria dell’abitazione sono a carico dell’usufruttario (custodia, amministrazione, manutenzione generale). L’usufruttario è tenuto a mantenere l’immobile in buono stato, senza danneggiarlo o modificarlo all’insaputa del nudo proprietario. Le spese straordinarie (le spese strutturali) sono a carico del nudo proprietario.

Quali sono i vantaggi?

La nuda proprietà conviene a chi compra per due motivi: il primo è il prezzo agevolato dell’immobile con percentuali che dipendono dall’età del venditore (o dell’eventuale inquilino) e che ovviamente sono inversamente proporzionali all’età stessa (più alta è l’età minore è lo sconto), il secondo è relativo ai vantaggi fiscali perché il calcolo dell’imposte sull’atto di compravendita è dato dal valore della nuda proprietà e non da quello commerciale dell’immobile. Ovviamente è chiaro che si tratta di un investimento per futuro, si tratta di un’opzione da non considerare se si necessità di una casa in cui andare a vivere nell’immediato.Dall’ottica di chi vende la nuda proprietà l’operazione è certamente propiziata dalla possibilità di utilizzare e godere (abitandolo o concedendolo in locazione) l’immobile, acquisendo comunque una liquidità economica di cui magari si necessita nell’immediato.

News della stessa categoria

 

Contratto preliminare di vendita: cos’è il compromesso?

E' un passaggio fondamentale per la compravendita immobiliare
Leggi di più >
 

Caparra confirmatoria, cos’è e come funziona

Uno dei passaggi preliminari di una compravendita
Leggi di più >
 

Certificato di agibilità, cos’è e a cosa serve

In cosa consiste questo documento e come richiederlo
Leggi di più >

Rubriche

Buona Festa dell'Immacolata

Per un sorriso da donare e un sogno ancora da realizzare. Auguri!
Leggi di più >

Salerno - Lungomare Trieste

Il giardino alberato che costeggia il mare
Leggi di più >

Clienti particolarmente esigenti...

Avventure e disavventure di noi agenti immobiliari
Leggi di più >

Cookie e Privacy policy

Questo sito usa cookie di profilazione anche di terzi. Per dettagli clicca sul tasto Leggi di più o, per accettare, clicca sul tasto Accetta.

Leggi di piùAccetta